Vino italiano pronto alla sfida dell'e-commerce. E quello abruzzese?

"I numeri sono enormi, anche se non troppo precisi: fra i 12 e i 24 milioni in tutto il mondo. Tanti sarebbero i negozi virtuali reperibili in rete. Eppure solo 650mila di questi possono contare su un profitto pari o superiore a mille dollari annui. Segno evidente che fare e-commerce piace, ha il gusto dell’opportunità vera. Ma allo stesso tempo è un’operazione complicata, fatta di regole e saperi. L’insuccesso, insomma, è dietro l’angolo. Non basta un sito web con un carrellino della spesa per vendere online" osserva con criterio Biagio Simonetta su Il Sole 24 Ore nell'articolo che potete scaricare presso questo link. Esso si aggiunge alle voci che vedono nel mercato in rete e nell'abbattimento dei confini di vendita un'opportunità ambiziosa. E dal Sole Levante la sfida acquista maggiore respiro attraverso le parole di Jack Ma, CEO e Founder del colosso cinese di e-commerce Alibaba, che propone l'inserimento di vini “ad alta conoscibilità” o quelli di primo prezzo sul marketplace cinese. Qui si può leggere l'articolo del Il Sole 24Ore

E l'Abruzzo?

E, riformulando meglio la domanda, le nostre cantine artigianali e di altissima qualità?

Il wine consumer solitamente mira ad acquistare un prodotto con un ottimo rapporto qualità/prezzo e che sia capace di emozionarlo per la storia, le origini, le modalità di produzione ed i luoghi in cui nasce. Inoltre il consumatore di vino è molto curioso e sempre alla ricerca della diversità, pronto a scoprire prodotti e marchi che non conosce: un'offerta così vasta come in Italia, ed in Abruzzo in particolare, rischia di confondere le idee al potenziale cliente ostacolandone il processo di acquisto.

Potremmo ipotizzare nuovi modelli di vendita che soddisfino al meglio le esigenze del pubblico degli amanti del vino? Un unico punto vendita online di vini di alta qualità selezionati da piccole cantine così da gestire meglio sia la logistica che la comunicazione: un centro commerciale del Trebbiano o della Passerina, per esempio, che aggreghi alcune eccellenze di piccole e grandi cantine in un maketplace autonomo e con costi di gestione drasticamente ridotti.

Potrebbe essere questa una via d'uscita per affermare la riconoscibilità, e quindi la più facile commercializzazione, dei prodotti vitivinicoli su scala nazionale ed europea?

KEEP IN TOUCH




LOCATE US

Viale G. D’Annunzio, 43
65127 Pescara - Italy
Tel. +39 085.4554851
Fax. +39 085.9090127

facebook.com/ms3srl
twitter.com/ms3srl
linkedin.com/company/ms3-srl